Ovvero come fare (bene) un riassunto in realtà virtuale

Diciamocelo chiaramente, Kingdom Hearts 3 – insieme a Resident Evil 2 Remake, di cui potete trovare la nostra recensione a questo indirizzo – è stato senz’altro il gioco più atteso di questo primo trimestre del 2019.
L’Action-Rpg targato Square Enix-Disney non ha certo bisogno di presentazioni, ma questo non ha fermato la Software House giapponese dall’investire in una corposa campagna promozionale. All’interno della quale si inseriscono le due esperienze esclusive per il visore di Sony. Sono infatti disponibili gratuitamente sul PS Store Giapponese “Laughter in the Dark”, rilasciato il 25/12/2018 e “Kingdom Hearts VR Experience”, rilasciato il 25/01/2019. Vorrei spendere giusto due parole sul primo di questi. “Laughter in the Dark” permette di assistere all’esibizione di Utada Hikaru, voce dei temi principali di Kingdom Hearts sin dal primo capitolo della saga del 2002 (sigh, che nostalgia!), come se si fosse presenti a un concerto dell’omonimo tour del 2018.

La cantante Utada Hikaru
Questo è il futuro!

Il giocatore può scegliere fra tre diversi punti di vista (ndr PoV), in uno dei quali è possibile anche usufruire dello zoom. I brani disponibili sono proprio Hikari (aka Simple and Clean), dal primo capitolo, e Chikai (aka Don’t think twice) dal terzo episodio. L’esperienza è appagante e suggerisce quali possano essere le altre possibilità offerte dalla realtà virtuale al di fuori del gaming.

Avviamo Kingdom Hearts VR Experience

Ma andiamo ora al nocciolo della recensione: Kingdom Hearts VR Experience. Una volta avviato il gioco, dopo i titoli di testa, verremo proiettati dentro la sala comandi della Gummiship Highwind, l’iconica astronave presente nei capitoli principali. Qui assisteremo ad un teatrino fra il protagonista Sora, di cui condividiamo il PoV, e i suoi compagni di merenda Paperino e Pippo. Purtroppo, “assistere” è il verbo più corretto, in quanto non solo le nostre possibilità sono limitate al guardarci intorno, ma l’intero dialogo è in giapponese. (Nota dell’autore: probabilmente Paperino rimprovera Sora di non riuscire a impostare correttamente la rotta per il viaggio).

Un Paperino che ti urla contro in VR
Va bene Paperino, abbiamo capito….

Successivamente la nave attraverserà un worm-hole, sulle cui superfici vedremo scorrere video e immagini da tutti i capitoli di Kingdom Hearts (ndr effetto simile a quanto provato da Spock in Star Trek: The Motion Picture). Finito il trip intergalattico saremo proiettati in un menù di selezione delle scene: potremo allora decidere di rivivere la scena della Gummiship, selezionarne una sull’Isola del Destino (ndr altro luogo iconico della serie) o una terza, ambientata a Crepuscopoli, ancora non disponibile. Diciamo che la scelta è quindi obbligata.

Interstellar in chiave Kingdom Hearts
Giusto per rendere l’idea…

Sull’Isola del Destino, invece, assisteremo a un dialogo, estratto dal primo capitolo, dalla prospettiva di Sora, fra quest’ultimo e gli amici d’infanzia Riku e Kairi. Anche durante questa scena ci si potrà guardare intorno e, complice la semplicità poligonale della grafica, i movimenti risultano molto fluidi e l’effetto è davvero coinvolgente. Al termine del dialogo l’attenzione si sposterà su dei giochi d’artificio sopra il mare di fronte a noi e, come proiettate su un invisibile telo cinematografico, vedremo le scene principali della saga di Kingdom Hearts.

Ecco il mega-schermo sul mare

Conclusione

Se dal punto di vista dei contenuti questo prodotto non aggiunge nulla di nuovo alla già intricata trama di Kingdom Hearts, sicuramente offre al giocatore, e soprattutto ai fan, un recap confezionato in maniera abbastanza originale, di una saga di cui si ha difficoltà a tessere le fila, complici il tempo, le diverse piattaforme su cui sono usciti i diversi titoli e i numerosi retcon. Uniche pecche: la durata dell’esperienza e il limite imposto dalla lingua giapponese; però oh, è gratis!
Note sulla realtà virtuale: la sensazione di immersività è molto alta e il motion sickness praticamente nullo.
P.s. E’ possibile che il terzo scenario non venga mai rilasciato, o magari impiegheranno altri 10 anni come per Kingdom Hearts 3.


Author mikydade
Published
Views 95
0

Comments

No Comments

Lascia un commento

Next Match

Next match not found

Twitter

I surprised when saw this pull request, but then realized, that this is for @shitoberfest :) pic.twitter.com/XBjgDmTh8q
New stylish interaction effects available in Visual Portfolio PRO #WordPress plugin visualportfolio.co/pro/ pic.twitter.com/7GG9DUaeNu
Users of our #Jarallax script should update it to the latest version - 1.12.3 It stopped working correctly in Safa… twitter.com/i/web/status/1…